Menu
  • Progetti nazionali
    Città che legge
    7 Mar, 2019
    Dalla lettura dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità: è con questa consapevolezza che il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, ha deciso, attraverso la qualifica di Città che legge, di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura. L’intento è riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

    Progetti nazionali

    Il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’ANCI, intende promuovere e valorizzare con la qualifica di Città che legge” l’Amministrazione comunale che si impegni a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio. Attraverso la qualifica di “Città che legge” si intende riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale delle comunità urbane attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

    Progetti nazionali

    I dati emersi dalle indagini nazionali e internazionali sul numero dei lettori e sulle competenze di lettura (ISTAT, 2018; OECD, 2016) hanno indotto il Centro per il libro e la lettura a elaborare un progetto di educazione all’esperienza della lettura (Reading Literacy) come strumento di conoscenza e di crescita sia individuale sia collettiva. Per Reading Literacy si intende la capacità di “comprendere e utilizzare testi scritti, riflettere su di essi e impegnarsi nella loro lettura al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di essere parte attiva nella società” (OECD, 2013). 

    Progetti nazionali
    Leggere ad alta voce è un’arte, ma ormai è anche una pratica virtuosa che tutti gli scrittori hanno imparato: si chiama reading ed è un modo di porgere il senso, il ritmo, la musica e l’emozione di un romanzo a un pubblico di lettori ancora potenziali.
    Leggere ad alta voce “bene” o “molto bene” vuol dire aver capito un’opera al punto da saperla interpretare e recitare. Tutti dovrebbero abituarsi a leggere ad alta voce, è un modo di partecipare, di essere partner dello scrittore, di imporgli le proprie intonazioni. È un modo di gustare appieno la lettura e di condividerla.

    Per questo il Centro per il libro e la lettura ha lanciato nel 2019 la III edizione del Festival della lettura ad alta voce con un nuovo partner, l’Istituzione Biblioteche di Roma, che ha messo in campo competenze e strutture per il concorso per giovani lettori, in particolare studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado, chiamati a leggere ad alta voce un brano di narrativa davanti a un pubblico. Sono state coinvolte 12 scuole dell’area metropolitana di Roma Capitale – quattro per ogni ordine scolastico –, scelte nelle diverse zone della città tra quelle che ospitano un BiblioPoint

    Progetti nazionali

    II Centro per il libro e la lettura, in occasione della campagna nazionale di promozione della lettura Il Maggio dei Libri, ha istituito un premio con l'intento di valorizzare l'impegno dei soggetti che hanno aderito alla campagna e di condividere buone pratiche per la promozione della lettura, incoraggiando al tempo stesso la partecipazione alle prossime edizioni.

    Progetti nazionali

    Il Centro per il libro e la lettura organizza ogni anno la Campagna Nazionale di promozione della lettura II Maggio dei Libri. La campagna inizia il 23 aprile, giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, e termina il 31 maggio.

    L'iniziativa, attraverso il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati, vuole favorire e stimolare l'abitudine alla lettura, considerata elemento chiave della crescita personale, culturale e sociale.

    Progetti nazionali
    Leggimi 0-6 
    7 Mar, 2019

    Leggere sin dai primi mesi di vita, persino in età prenatale, rappresenta una buona pratica con importanti riflessi sullo sviluppo neurologico e cognitivo del bambino.

    Al fine di creare un modello di promozione della lettura per la fascia di età compresa tra 0 e 14 anni il Centro per il libro e la lettura ha realizzato tra il 2012 e il 2015 – in collaborazione con enti territoriali e associazioni di categoria quali l’Associazione italiana editori e l’Associazione italiana biblioteche – In Vitro, progetto sperimentale in sei territori pilota rappresentativi delle diverse realtà italiane: le province di Biella, Ravenna, Nuoro, Lecce, Siracusa e la regione Umbria.

    Nato da un Protocollo d’intesa tra Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Ministero della Salute e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il programma Leggimi 0-6 si pone sulla scia del progetto “In Vitro” con l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce in età prescolare, all’interno della famiglia, nelle strutture sanitarie, educative e sociali. Come previsto dal Protocollo d’intesa, poi condiviso con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, è stato creato un Comitato per la promozione della lettura composto da rappresentanti indicati dai tre Ministeri e dalla Conferenza delle Regioni. Il Comitato ha redatto un Piano d’Azione e ha indicato sette regioni nelle quali dare avvio in modo prioritario alle iniziative formative.

    L’attività è stata affidata al Centro per la Salute del Bambino (CSB), che ha curato, progettato e organizzato, con la supervisione del Centro per il libro e la lettura, 19 Corsi di formazione e informazione realizzati tra il 2017 e il 2018. Il Centro per il libro e la lettura ha inoltre curato con il CSB la grafica e la redazione delle due pubblicazioni edite dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

    Nel 2018 e nel 2019 il Centro per il libro e la lettura ha predisposto due Bandi “Leggimi 0-6”, indirizzati alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro, per individuare 10 e 24 progetti di promozione della lettura nella “Prima Infanzia” (fascia di età 0-6 anni) da realizzare con il sostegno economico del Centro.

    Progetti nazionali
    Libriamoci
    7 Mar, 2019

    Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole è l’iniziativa del Centro per il libro e la lettura, nata da un Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, che ogni anno coinvolge le scuole italiane di ogni ordine e grado, sia sul territorio nazionale che all’estero. La sesta edizione di Libriamoci si è tenuta dall’11 al 16 novembre 2019.

    Il progetto intende promuovere la lettura tra gli studenti, invitando tutti gli istituti scolastici a inserire, nelle proprie attività educative e formative, alcuni momenti da dedicare alla lettura ad alta voce, considerata strumento fondamentale per la crescita emozionale e cognitiva dello studente. La campagna ‘Libriamoci’ gode di un portale dedicato: www.libriamociascuola.it, una piattaforma digitale che mette in contatto diretto docenti, bibliotecari, librai, editori, associazioni, scrittori, lettori, illustratori, offrendo uno spazio informativo dettagliato e consentendo di condividere buone pratiche, raccontare esperienze di lavoro, dare suggerimenti, cercare collaborazioni e coordinare la realizzazione dei progetti.

    Progetti nazionali

    All’arrivo dell’autunno, con le sue tinte calde e l’atmosfera che ancora profuma d’estate eppure già ammicca a giornate uggiose da trascorrere in compagnia di un buon libro, ecco puntuale l’appuntamento con Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole, il progetto nazionale – promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Direzione Generale per lo Studente e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo Centro per il libro e la lettura – che, nella sua sesta edizione, porta nelle scuole di ogni ordine e grado dall’11 al 16 novembre la magia delle pagine declamate ad alta voce.

    Premi

    Sono state presentate ieri, 6 novembre 2018, all’IBS Libraccio di Roma le cinquine finaliste per il Premio Strega ragazze e ragazzi 2019(quarta edizione), promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti Benevento – organizzatori del Premio Strega – con il Centro per il libro e la lettura.

    È intervenuto il presidente del Cepell Romano Montroni, con Stefano Petrocchi, Fabio Geda ed Elena Pasoli, membri del Comitato scientifico del premio, presieduto da Giovanni Solimine, presidente della Fondazione Bellonci, è composto anche dalla direttrice del Centro per il libro e la lettura Flavia Cristiano (Centro per il libro e la lettura), Nicoletta Gramantieri (Biblioteca Salaborsa Ragazzi, Bologna), Laura Giaretta (Scuola elementare Marco Polo, Rosà), Martino Negri (Università degli Studi di Milano-Bicocca) e Paola Saoncella(Libreria Biblion, Granarolo).

    Il premio verrà assegnato in occasione della Bologna Children’s Book Fair (1-4 aprile 2019).

    Premi
    Nato con lo scopo di andare alle radici della passione per la lettura e per promuoverne il valore formativo e culturale fin dall’infanzia e dall’adolescenza, il Premio Strega Ragazze e Ragazzi è il nuovo concorso letterario promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Strega Alberti Benevento SpA, BolognaFiere – Bologna Children’s Book Fair e Centro per il libro e la lettura.
     
    Giunto alla quinta edizione, il Premio è assegnato a opere di narrativa pubblicate in Italia, anche in traduzione, tra il 1 aprile dell’anno precedente e il 30 giugno dell’anno in corso e prevede due categorie di concorso: una per libri destinati a lettrici e lettori dai 6 ai 10 anni (+6) e una per lettrici e lettori dagli 11 ai 15 anni (+11). Grazie alla collaborazione con una rete di scuole primarie e secondarie (primo e secondo grado) distribuite sul territorio nazionale, sono proprio i giovanissimi lettori a decretare con il loro voto i vincitori nelle due categorie.

    Premi

    Istituito nel 2016 e giunto alla quarta edizione, il Premio Strega Ragazze e Ragazzi viene assegnato a libri di narrativa per bambini e ragazzi pubblicati in Italia, anche in traduzione, tra il 1° luglio dell’anno precedente e il 30 giugno dell’anno in corso. Il riconoscimento è promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti Benevento – organizzatori del Premio Strega – con il Centro per il libro e la lettura (Cepell), istituto autonomo del MiBAC nato nel 2007 con il compito di divulgare in Italia la cultura del libro e della lettura, con BolognaFiere-Bologna Children’s Book Fair, il maggior evento fieristico di settore a livello internazionale.

    Premi
    Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione, il MiBACT Centro per il libro e la lettura e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, nell’ambito delle iniziative finalizzate alla circolazione e alla conoscenza della letteratura fra gli adolescenti, promuovono il concorso di idee “Quando i ragazzi ci insegnano”, ideato dallo scrittore Eraldo Affinati
     
    Rivolto agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado italiane del territorio nazionale, "Quando i ragazzi ci insegnano" si inserisce in un piano di interventi complessivo che il MIUR, il MiBACT e il MAECI promuovono da anni per favorire la lettura all’interno delle istituzioni scolastiche. Il concorso vuole essere una occasione per far circolare la conoscenza della letteratura fra gli adolescenti rendendo i ragazzi protagonisti. Intende, inoltre, favorire lo scambio fra gruppi di studenti italiani in Italia e all’Estero, mettendoli in contatto attraverso gli Istituti italiani di cultura.
     
    Dopo aver approfondito in classe attraverso la collaborazione dei docenti la figura di un autore classico (moderno e non), gli studenti e le studentesse sono invitati a tenere una lezione realizzando a coppie un video della durata massima di 12 minuti in cui devono presentare, approfondire e descrivere un’opera (prosa o poesia) dell’autore scelto, significativo e rappresentativo del territorio in cui vivono gli autori dell’elaborato. Gli insegnanti “alleneranno” i ragazzi a confrontarsi con la propria capacità espositiva, facendoli esercitare sul modo più efficace per raccontare l’opera e l’autore scelto.
     
    La partecipazione al concorso è gratuita e l’invio degli elaborati dovrà avvenire entro febbraio 2020. Ogni istituzione scolastica può partecipare al concorso presentando un solo elaborato. Gli elaborati dovranno essere raccolti dal dirigente scolastico o dal docente referente e inviati tramite posta ordinaria al seguente indirizzo: CEPELL – Centro per il libro e la lettura, Via Pasquale Stanislao Mancini 20, 00196 ROMA. Sulla busta dovrà essere riportata la dicitura: “Quando i ragazzi ci insegnano” e la denominazione della scuola. In caso di invio attraverso canali di posta elettronica si può utilizzare il seguente indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
     
    I vincitori verranno annunciati durante Il Maggio dei Libri 2020 e ad essi, accompagnati da un insegnante per ogni coppia di studenti, verrà offerto un breve soggiorno (3/4 giorni) in una capitale europea (Madrid, Istanbul, Parigi) dove i ragazzi saranno invitati a esporre la loro lezione presso l’istituto italiano di cultura della città, alla presenza di studenti locali italiani o italofoni, di pari grado. Un kit di libri verrà donato alla biblioteca delle scuole vincitrici e tutti gli insegnanti partecipanti riceveranno un attestato da parte dei promotori.
     
    Premi
    Cos'è Scelte di Classe?
     
    Non un concorso, ma un progetto, capillare e continuativo, per la promozione della lettura a partire dai più piccoli fino agli adulti di domani. Nasce così Scelte di classe. Leggere in circolo, giunto alla sua seconda edizione e organizzato da Biblioteche di Roma, Centro per il libro e la lettura e PlaytownRoma: libri, editori, associazioni, scuole e biblioteche insieme per un progetto comune dedicato alla letteratura per ragazzi e ragazze.
    Premi
    Scriviamoci
    7 Mar, 2019

    “Scriviamoci” nasce nel 2015 con un obiettivo: abituare i ragazzi a scrivere per conoscersi meglio e per riappropriarsi del proprio tempo, ma anche per esprimere, attraverso la parola scritta, i pensieri più nascosti, le proprie passioni, i propri sentimenti.

    Il concorso di scrittura, giunto alla quinta edizione, è promosso dal Centro per il libro e la lettura e dall’Atlante digitale del ‘900 letterario, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. È rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia e di quelle italiane all’estero.

    Premi

    Nato nel 2018, "Scriviamoci di più" è la versione "aumentata" del concorso letterario Scriviamoci. Sviluppato dall'Istituto Papareschi di Roma in rete con l’Istituto Telesia di Telese Terme (BN), con la collaborazione del Centro per il libro e la lettura e con i fondi della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR, il Premio ha una duplice missione: avvicinare gli studenti alla scrittura e facilitare l’inclusione scolastica.

    Iniziative all'estero

    Il Centro per il libro e la lettura sostiene, nell’ambito delle iniziative di promozione del libro italiano all’estero, la preparazione e la realizzazione del Festival Italissimo che si svolge ogni anno in diversi luoghi di Parigi: la Maison de la Poésie, l’Istituto italianodi Cultura, Sciences Po, il Liceo italiano Leonardo Da Vinci, il Liceo Jean-Jacques Rousseau di Sarcelles, l’Università La Sorbonne, il Pantheon.

    Il Festival, giunto nel 2019 alla sua quarta edizione, propone numerosi eventi di diverse forme e contenuti legati alla letteratura e alla cultura italiana: incontri, dibattiti, letture, proiezioni, installazioni che richiamano un pubblico numeroso ed entusiasta.

     

    Iniziative all'estero
    Annunciato durante la XX edizione della Non/Fiction International Book Fair di Mosca a novembre 2018, ha preso il via nel 2019 il premio bilaterale a cadenza annuale Intersezioni. Italia-Russia, istituito dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Mosca. Inserendosi in un ampio contesto di scambio e vicinanza intellettuale dell’Italia all’estero, il Premio nasce con l’intento di valorizzare la letteratura italiana e russa, proponendosi come veicolo di virtuosa contaminazione culturale.
     
    Il Premio offre infatti al vincitore la possibilità di vedere il proprio libro tradotto e pubblicato dall’italiano al russo e viceversa, favorendo così una più ampia conoscenza di opere già apprezzate nei due Paesi e contribuendo a far emergere le nuove voci delle due letterature.
     
    Presieduta da Flavia Cristiano e Olga Strada, che fino al 2019 sono state rispettivamente direttore del Centro per il libro e la lettura e direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, la Commissione è composta da personalità di spicco del mondo culturale, invitate a selezionare e votare i titoli in gara. Nell’anno di premiazione di un libro italiano in Russia spetta ai giurati italiani proporre opere oggetto di votazione da parte di tutti; per l’edizione successiva i ruoli si invertono.
     
    Fanno parte della giuria: Filippo La Porta, saggista e critico letterario, lo scrittore e traduttore Paolo Nori, lo scrittore e saggista Alberto Rollo e i loro colleghi russi Anna Jampol’skaja, traduttrice e filologa, e Evgenij Solonovic, italianista e traduttore.
     
    Il vincitore della prima edizione, Alessio Forgione, autore di "Napoli mon amour" (NN Editore, 2018), è stato premiato il 13 giugno 2019 a Mosca, nel corso di una cerimonia di premiazione che si è tenuta nell’elegante cornice della Biblioteca delle letterature straniere.
    Iniziative all'estero

    Il 6 dicembre 2019 il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo della Repubblica Italiana e l'Incaricata del Governo Federale per la Cultura e i Mass Media della Repubblica Federale di Germania hanno sottoscritto un pdf Memorandum d'Intesa  sulla cooperazione nel progetto "Premio italo-tedesco per la traduzione", nell'intento di proseguire e intensificare  lo scambio culturale e intellettuale tra i due Paesi tramite la promozione reciproca della traduzione di opere letterarie.

    Sottocategorie

    {"url":"index.php?option=com_content&view=category&layout=joomla3_template:notizie&id=20&Itemid=326", "alias":"progetti-nazionali", "name":"Progetti Nazionali" }
    {"url":"index.php?option=com_content&view=category&layout=joomla3_template:notizie&id=22&Itemid=327", "alias":"premi", "name":"Premi" }
    {"url":"index.php?option=com_content&view=category&layout=joomla3_template:notizie&id=23&Itemid=328", "alias":"iniziative-all-estero", "name":"Iniziative all'estero" }
    { "url":"index.php?option=com_content&view=category&layout=joomla3_template:notizie&id=21&Itemid=108", "alias":"progetti", "name":"Progetti" }
    { "url":"index.php?option=com_content&view=category&layout=joomla3_template:notizie&id=21&Itemid=108", "alias":"progetti", "name":"Progetti" }
    Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività?

    Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com