Menu
  • Nato nel 2018, "Scriviamoci di più" è la versione "aumentata" del concorso letterario Scriviamoci. Sviluppato dall'Istituto Papareschi di Roma in rete con l’Istituto Telesia di Telese Terme (BN), con la collaborazione del Centro per il Libro e la Lettura e con i fondi della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR, Il Premio ha una duplice missione: avvicinare gli studenti alla scrittura e facilitare l’inclusione scolastica

    Il risvolto innovativo risiede nel regolamento, poiché sono ammesse solo coppie di autori di cui uno disabile, per cercare di dare sempre più al termine disabilità la valenza di differenza: siamo forse diversi nel pensare un soggetto, diversi nello scegliere un’espressione nella narrazione, diversi nell’immaginare un finale per il racconto, ma assolutamente abili di fantasticare, di essere creativi, di vivere delle sensazioni. Partecipare alla vita sociale del gruppo classe prima e del contesto lavorativo e sociale poi, sviluppa in ogni individuo una percezione del sé migliore, ma certo è che nelle persone con qualche disabilità ne potenzia enormemente la dimensione progettuale allargando le prospettive future. 

    Il 3 giugno scorso sono stati proclamati a Palazzo Merulana i racconti vincitori della prima edizione di "Scriviamoci di più", raccolti nel volume Compagni di Penna - I racconti delle ragazze e dei ragazzi che hanno partecipato al concorso "Scriviamoci di più"

    Cos'é Scelte di Classe?

    Non un concorso, ma un progetto, capillare e continuativo, per la promozione della lettura a partire dai più piccoli fino agli adulti di domani. Nasce così Scelte di classe. Leggere in circolo, giunto alla sua seconda edizione e organizzato da Biblioteche di Roma, Centro per il libro e la lettura e PlaytownRoma: libri, editori, associazioni, scuole e biblioteche insieme per un progetto comune dedicato alla letteratura per ragazzi e ragazze.

    A chi si rivolge?

    Scelte di classe. Leggere in circolo è il progetto di promozione della lettura dedicato alle scuole, nato per individuare le migliori opere pubblicate in Italia nell'ambito della Letteratura per Ragazzi nella fascia di età tra i 3 e i 16 anni. Al Comitato Direttivo formato da Biblioteche di Roma e Centro per il Libro e la Lettura si affianca un Comitato di Selezione rappresentativo dell'intera filiera editoriale, volto a costruire una linea di ricerca capace di valorizzare le opere migliori dell'anno pubblicate per la prima volta in Italia. Le opere finaliste, proposte dal Comitato ma esaminate e giudicate dagli alunni delle scuole di Roma in appositi laboratori durante l'anno scolastico, convergono in un catalogo, edito da Hamelin e distribuito gratuitamente presso scuole e istituzioni educative, che diventa un efficace vademecum per orientarsi (da insegnanti, bibliotecari, educatori, genitori e lettori) nell'editoria per ragazzi. Il catalogo contiene le schede dei libri, le voci della critica, i percorsi tematici, i commenti e le grandi domande che ciascuno dei libri porta con sé.

    Il progetto si completa con il corso di formazione per insegnanti e bibliotecari e operatori di settore “Educare alla lettura. Scelte di classe”: un vero corso di formazione riconosciuto e promosso dal Centro per il Libro e la Lettura.

    “Scelte di Classe” si sviluppa lungo tutto l'anno scolastico: alla Fiera Più Libri Più Liberi (dicembre 2018) il Comitato ha presentato i libri selezionati agli insegnanti; successivamente i testi sono stati affidati agli alunni in tre laboratori a scuola e in biblioteca, a cui è seguita la pubblicazione del Catalogo con le Scelte di Classe in aprile (presentato a Bologna Children's Book Fair). "Scelte di classe. Leggere in circolo” si avvale anche delle partnership di AIB (Associazione Nazionale Biblioteche), SIAE.

     

    Il 23 maggio 2019 2.400 alunni dai 3 ai 16 anni provenienti da 120 classi delle scuole di Roma hanno sancito all'Auditorium Parco della Musica i vincitori e le vincitrici della seconda edizione del Premio: Un po' più lontano di Anaïs Vaugelade (Babalibri), Amos e Boris di William Steig (Rizzoli), Katitzi di Katarina Taikon (Iperborea), L'anno in cui imparai a raccontare storie di Lauren Wolk (Salani) e Un viaggio chiamato casa di Allan Stratton (Mondadori).

     

     

    Istituito nel 2016 e giunto alla quarta edizione, il Premio Strega Ragazze e Ragazzi viene assegnato a libri di narrativa per bambini e ragazzi pubblicati in Italia, anche in traduzione, tra il 1° luglio dell’anno precedente e il 30 giugno dell’anno in corso. Il riconoscimento è promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti Benevento – organizzatori del Premio Strega – con il Centro per il libro e la lettura (Cepell), istituto autonomo del MiBAC nato nel 2007 con il compito di divulgare in Italia la cultura del libro e della lettura, con BolognaFiere-Bologna Children’s Book Fair, il maggior evento fieristico di settore a livello internazionale.

    Sono state presentate ieri, 6 novembre 2018, all’IBS Libraccio di Roma le cinquine finaliste per il Premio Strega ragazze e ragazzi 2019(quarta edizione), promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti Benevento – organizzatori del Premio Strega – con il Centro per il libro e la lettura.

    È intervenuto il presidente del Cepell Romano Montroni, con Stefano Petrocchi, Fabio Geda ed Elena Pasoli, membri del Comitato scientifico del premio, presieduto da Giovanni Solimine, presidente della Fondazione Bellonci, è composto anche dalla direttrice del Centro per il libro e la lettura Flavia Cristiano (Centro per il libro e la lettura), Nicoletta Gramantieri (Biblioteca Salaborsa Ragazzi, Bologna), Laura Giaretta (Scuola elementare Marco Polo, Rosà), Martino Negri (Università degli Studi di Milano-Bicocca) e Paola Saoncella(Libreria Biblion, Granarolo).

    Il premio verrà assegnato in occasione della Bologna Children’s Book Fair (1-4 aprile 2019).

    Promotori e partner

    Centro per il libro e la lettura (MiBAC), MIUR, MAE, RAIScuola, Gruppo Gems.

    Destinatari

    Studenti delle scuole secondarie di secondo grado italiane sul territorio nazionale e all’estero.

    Modalità

    Gli studenti si mettono in cattedra per tenere una lezione: in coppia realizzano un video della durata massima di 12’ presentando un’opera (prosa o poesia) di un autore classico (moderno o non) significativo per il territorio in cui vivono.

    Obiettivi

    Far circolare la conoscenza della letteratura fra gli adolescenti rendendo i ragazzi protagonisti. A lungo termine ci si aspetta la più ampia diffusione del progetto, sia ampliando la rete delle scuole coinvolte e degli Istituti italiani di cultura, sia promuovendo l’iniziativa anche presso le scuole italiane all’estero affinché possa avvenire uno scambio di contributi.

    Premio Strega
    7 Mar, 2019

    Nato con lo scopo di andare alle radici della passione per la lettura e per promuoverne il valore formativo e culturale fin dall’infanzia e dall’adolescenza, il Premio Strega Ragazze e Ragazzi è il nuovo concorso letterario promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Strega Alberti Benevento SpA, BolognaFiere – Bologna Children’s Book Fair e Centro per il libro e la lettura.

    Il Premio Strega Ragazze e Ragazzi, giunto alla sua quinta edizione, è assegnato a opere di narrativa pubblicate in Italia, anche in traduzione, tra il 1° luglio dell’anno precedente e il 30 giugno dell’anno in corso e prevede due categorie di concorso: una per libri destinati a lettrici e lettori dai 6 ai 10 anni (+6) e una per lettrici e lettori dagli 11 ai 15 anni (+11). Grazie alla collaborazione con una rete di scuole primarie e secondarie (primo e secondo grado) distribuite sul territorio nazionale, sono proprio i giovanissimi lettori a decretare con il loro voto i vincitori nelle due categorie.

    “Scriviamoci” nasce nel 2015 con un obiettivo: abituare i ragazzi a scrivere per conoscersi meglio e per riappropriarsi del proprio tempo, ma anche per esprimere, attraverso la parola scritta, i pensieri più nascosti, le proprie passioni, i propri sentimenti.

    Il concorso di scrittura, giunto alla quinta edizione, è promosso dal Centro per il libro e la lettura e dall’Atlante digitale del ‘900 letterario, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. È rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia e di quelle italiane all’estero.

    Nelle edizioni dal 2015 al 2018 il concorso ha riscosso un grande successo, raccogliendo circa 1600 elaborati provenienti da oltre 600 istituti scolastici. All’edizione 2018 sono stati presentati complessivamente 263 lavori: inviati da 111 scuole partecipanti (di cui: 50 Licei e 61 Istituti superiori), distribuite in 18 regioni italiane e in Croazia (2 scuole italiane).

    Quest’anno si è chiesto ai ragazzi di sviluppare il tema “Tolleranza, pluralismo, diversità“. Questi tre concetti sono tra i principi base della civiltà occidentale contemporanea. Si suppone che un uomo o una donna civilizzati tollerino opinioni e comportamenti diversi dalle proprie convinzioni e comportamenti, sulla base dell’idea che altri uomini e donne abbiano il diritto di avere le proprie opinioni e di scegliere la propria strada nella vita. È questo atteggiamento tollerante che facilita la diversità degli stili di vita, la pluralità delle opinioni, la ricchezza dei modelli di civiltà e incoraggia la diversità, stimolo al confronto e alla riflessione.

    I racconti, di lunghezza compresa tra 6.000 e 10.000 battute, spazi inclusi, dovranno essere inviati entro e non oltre il 19 aprile 2019 all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

    Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività?

    Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com